La paura di perdere denaro vi farà sicuramente perdere denaro

La paura di perdere denaro vi farà sicuramente perdere denaro

La maggior parte delle persone che investono in Borsa finiscono col perdere denaro. Dopo anni di analisi dei comportamenti degli investitori, la conclusione è che questo succede non tanto per ignoranza o scarsa conoscenza, ma per paura di perdere denaro!

Perché la paura di perdere denaro è il principale nemico

Quello che spesso gli investitori faticano a capire è la differenza tra fluttuazione e perdita di denaro consolidata. I mercati azionari nel tempo oscilleranno sempre. Salgono e poi scendono, poi risalgono e riscendono. Quando il tuo portafoglio di fondi azionari scende e vedi sul tuo conto una perdita rispetto a qualche mese prima o rispetto ai prezzi che hai pagato, spesso inizi a farti prendere dall’ansia.

Fino a che non si vende e si concretizza la perdita, questa è solo virtuale e non reale. E nel tempo è molto probabile che la perdita venga recuperata.

Ovviamente non stiamo parlando di singoli titoli azionari magari del mercato italiano dove si perde il 40 o il 50%. In quel caso spesso c’è un motivo preciso per cui si sta perdendo ed è anche probabile che nel tempo la perdita aumenti. Per quei titoli è sempre necessario darsi dei limiti mettendo degli stop-loss e vendere quando questi vengono raggiunti, limitando la perdita prima che diventi eccessiva e poter passare ad altri investimenti.
In un programma di investimento a lungo termine con fondi ben diversificati ed una corretta asset allocation, invece, la situazione è diversa. La storia dimostra che in questo caso le discese vengono sempre recuperate e quindi le perdite teoriche non hanno motivo di essere trasformate in effettive.

A seguire l’analisi dei maggiori ribassi dell’Indice MSCI All Country World ed il recupero nel quinquennio successivo.

Il mercato ha dimostrato di reagire

Alla maggior parte delle flessioni dell’indice MSCI All Country World pari o superiori al 15% ha fatto seguito una ripresa. E si è trattato di riprese consistenti!
I rendimenti nel primo anno successivo alla contrazione del mercato possono arrivare fino al 78,9%.
Nel più lungo periodo, il valore medio di un investimento è all’incirca raddoppiato nel corso dei cinque anni successivi ad ogni minimo del mercato.

Non perdete le potenziali fasi di recupero del mercato!
Sebbene non vi possa essere alcuna garanzia di un’effettiva ripresa, togliere i soldi dal mercato durante i ribassi significa che, in caso di mancato rientro sul mercato al momento giusto, si perde la possibilità di beneficiare appieno dei vantaggi derivanti dalla sua ripresa.

La cosa migliore che deve fare un investitore è tenere duro con la propria asset allocation anche nei periodi difficili, traguardando il tutto con un corretto orizzonte temporale.

Questa cosa è molto più importante rispetto ad imparare a valutare una società o capire l’analisi tecnica. Purtroppo, è una cosa più facile a dirsi che a farsi.

Gli investitori comprendono la volatilità

Infatti, la nostra esperienza ci dice che gli investitori effettivamente capiscono che i mercati fluttuano e che nel corso degli anni vedranno i loro investimenti oscillare. Gli investitori capiscono anche che occorre avere un orizzonte temporale di almeno 5 anni per valutare i risultati dei loro investimenti. Quasi tutti, al primo contatto, si dichiarano pazienti e consapevoli di tutto quanto detto sopra.

Tuttavia, spesso alla prima correzione importante vanno in fibrillazione e vendono, trasformando le perdite da potenziali ad effettive. Non avendo alcuna idea di come e quando rientrare o spesso mancando loro il coraggio per riaffrontare la volatilità, perdono quasi sempre il successivo rialzo che puntualmente arriva.

Come fronteggiare la paura di perdere denaro

Non c’è un modo unico e sicuro per aiutare le persone a non avere paura di perdere denaro. Le persone sono diverse ed hanno una diversa confidenza e tenuta psicologica. Quindi ciò che basta a qualcuno per essere rassicurato non è detto che sia sufficiente per un altro.

Il mondo non finisce, non avere paura di perdere denaro!

Certo ad ogni correzione del 10% circa arriverà sempre qualcuno che pensa che il mondo è prossimo alla fine e quindi bisogna togliere i propri soldi dalla Borsa.

Il mondo però non finirà, come non è finito in passato in situazioni ben peggiori.

Con gli attuali tassi non è più possibile pensare di costruirsi una pensione o una rendita futura con solo obbligazioni tranquille ed è fondamentale avere altri investimenti più volatili ma diversificati per avere buoni rendimenti nel tempo.

Da questo punto di vista, il mercato azionario rappresenta un buon strumento per incrementare il proprio patrimonio, purché le inevitabili oscillazioni siano viste come opportunità e non come minaccia, evitando che la paura di perdere soldi faccia veramente perdere soldi.

CONDIVIDI L'ATRICOLO
LEGGI ALTRI POST
Massimo Zaniboni

Massimo Zaniboni

Ciao, sono Massimo, e sono un private banker dal 1994.

Sono un esperto di strumenti finanziari che identifica i bisogni del il proprio Cliente e lo guida nella scelta degli investimenti coerenti con la propensione al rischio e l’orizzonte temporale, per garantire la continuità e sostenibilità del patrimonio familiare.